Nanoparticelle al sapore di aria. A futura memoria…. Il “sistema Italia”

nanoparticelleLo scorso settembre, la federazione degli ordini dei medici della Emilia Romagna, aveva chiesto con una lettera urgente, a tutti i presidenti di provincia e i sindaci, che non fosse concessa il “nulla osta” alla edificazione di nuovi termovalorizzatori –inceneritori nella regione. In Italia, una persona su cinque muore per inquinamento, si dissertava con meticolosa e preoccupata introduzione ad una lista di cause-effetti dell’inquinamento sulla salute. Se ne quasi parlava, in momenti diversi, molto sportivamente, senza offrire alternative possibili, anche su RAI TV3 – Programma: RAINEWS 24; anche Emilio Fede RETE4 – Programma: TG 4; anche RAI RADIO 2 – Programma: GR 2; anche CANALE 5 – Programma: TG5 MATTINA . Se ne occupava inoltre Rai 1 delle ore 07.20 del 17 gennaio 2005. Cosa e’ cambiato da allora? Nulla.
Il potere delle caste non vive sulla terra. Loro sono altrove, immunizzati da tutto. Ma le nostre citta’ sono camere a gas, c’e’ di tutto, metalli pesanti, ozono, benzene, polveri sottili, nanoparticelle, materiali particolati. Oltre 20 milioni di cittadini italiani si trovano sotto la spada di Damocle, e nessuno della casta dice, suggerisce, applica alternative. Quello che si fa, sarebbe una fortuna fosse il nulla, perche’ si fa il contrario del nulla, il contrario di quello che si dovrebbe fare.
Rispetto all’Europa, tanto per farci onore, siamo all’ultimo posto come qualita’ dell’aria, e i livelli soglia permessi dalla Ue li abbiamo superati da tempo. A questo degrado imposto dalla logica del corporativismo, del confindustrialismo, del petrolio, dell’asfalto, della gomma dell’automobile, si contrappone un silenzio stampa come da nessuna parte al mondo tra i Paesi democraticamente civili.
Questa e’ l’Italia , dove i bambini si ammalano di Leucemia grazie all’inquinamento, dove i tumori si moltiplicano e la farmaceutica chimica ne e’ felice.
Qualcuno mi scrive che il problema dell’aumento esponenziale dei tumori in Campania non e’ solamente legato agli inceneritori-termovalorizzatori, ma alle “fosse segrete” dove la criminalita’ camorristica ha lucrato seppellendo rifiuti chimici tossici delle fabbriche del nord Italia. Non so cosa pensare. A Napoli e’ sempre emergenza, come se solo a Napoli si producesse “monnezza”. E se invece l’emergenza servisse per coprire qualcosa di piu’ “puzzolente”? Non mi meraviglierei piu’ di tanto.
Penso che in una Italia dalla casta criminogena, anche questo potrebbe essere possibile. Ma solo nel sospetto bisognerebbe indagare, e nessuno si sogna di farlo.
Il fervente cattolico Pierferdinando Casini, baciato dalle lungimiranze dei vescovi, ama il suo Feudo Siciliano, e ci sta gia’ pensando… intenderebbe costruire li’ ulteriori termovalorizzatori, almeno 4. Nella famosa “piana di Milazzo” negli ultimi 40 anni, si e’ eletta una intera area adibita a zona industriale a pochi chilometri da una sontuosa raffineria, il tutto costruito a ridosso di una scintillante spiaggia dorata, che lambiva alberi di arance e limoni, un tempo piena di serene famiglie, di bambini vispi, allegri, festosi. Adesso il suo colore e’ il nero, e’ desolata, senza piu’ arance e limoni, vuota, spettrale, nessuno ci va neanche per passeggiare, nessun gabbiano si posa. Milazzo.
Negli ultimi 30 anni, nelle zone limitrofe, i tumori sono cresciuti esponenzialmente, non risparmiando nessuno, nemmeno i bambini che ne risultano i piu’ colpiti.
L’arcipelago delle Eolie, che guarda di fronte alla piana milazzese (il Casini si reca in vacanza d’estate in compagnia della moglie Azzurra scendendo da un sontuoso yacth) e’ stata eletta dall’UNESCO come patrimonio dell’umanita’, per la bellezza della sua rigogliosa natura e per la sua flora e fauna. La piana di Milazzo, prima dello scempio, lo era ancor di piu’, e Casini non l’ha mai conosciuta, era impegnato a prendere lezioni dai vescovi, mentre io mi energizzavo vispamente nella floridissima natura, nuotando tra le alte onde, e raccogliendo luccicanti conchiglie. Da quelle parti sono cresciuti esponenzialmente, non solo il Cancro, ma soprattutto quei processi infiammatori a-specifici, che convergono in “immunopatie” che sfociano in numerosissime e differenziate patologie , apparentemente diverse, ma legate da una unica causa.
Poco tempo fa, in un telegiornale di una emittente del nord, si parlava di “una Perla della sanita’ meridionale” avvolta nella piu’ fitta nebbia. Il caso riguardava un provvedimento della regione Puglia sulla chiusura dell’ospedale di Campi Salentina, ove si trovava una equipe di medici che si coordinavano nello studio ed il trattamento delle immunopatie, cioe’ di quelle patologie a-specifiche, cagionate dalle sostanze alla quale l’uomo e’ esposto (http://www.regione.puglia.it/index.php?page=rvideo&opz=display&id=2841).
Sulla vicenda dei termovalorizzatori-inceneritori e dei rifiuti, invece ha redatto una dettagliata pubblicazione l’APAT, l’agenzia per l’ambiente ed i servizi tecnici. La trovate qui http://www.apat.gov.it/site/it-IT/APAT/Pubblicazioni/Rapporto_rifiuti/Documento/rapporto_rifiuti_2006.html.
Cosa fanno caste e “poteri forti” di fronte all’allarme proveniente da fonti specializzate? Se pensiamo come sono considerati i nostri scienziati in Italia, con la vicenda della visita di Ratzinger all’universita’ “La Sapienza ” e con quel rettore che non aveva convocato nessuno prima di prendere una decisione fuori da ogni logica, si puo’ anche comprendere tutto il resto.
La storia e’ sempre quella: veniamo inghiottiti dagli interessi dei “poteri forti” che cancellano ogni nostro diritto, compreso quello alla salute.
Per fortuna ci potra’ pensare la UE, a colpi di multe per le innumerevoli infrazioni che collezioniamo e collezioneremo, ma fino a quando? La qualita’ dell’aria e l’inquinamento ambientale in Italia e’ alto oltre le misure considerate e permesse dall’Unione Europea. Questa situazione gia’ preoccupante non puo’ e non deve trovare un ulteriore disastroso aggravio con la costruzione delle mortali centrali di termovalorizzazione-inceneritori.
Il sito sull’ambiente della commissione Europea, ha pubblicato qual’e’ la diminuzione delle aspettative di vita, cagionate dall’aria respirata (http://ec.europa.eu/environment/news/efe/20/article_2434_it.htm).
Gridiamo forte alla casta, che si costruiscano gli inceneritori accanto alle loro case e quelle dei loro famigliari, non a quelle nostre. Difendete la vostra vita e quella dei vostri figli.
Concludendo … io non l’ho visto, ma mi hanno riferito che il prof. Veronesi, in una trasmissione alla Rai condotta fa Fabio Fazio, abbia asserito che i termovalorizzatori-inceneritori non danneggiano la salute…. Se qualcuno possiede una copia della puntata, per favore la spedisca alla redazione dell’Aduc, la conserveremo a futura memoria, quando un domani saranno smascherati gli interessi delle multinazionali dei chemioterapici….
Dopo la caduta del Governo Prodi, tutti si sono messi in movimento, con una nuova melassa di inciucio dietro l’angolo, la novita’ c’e’ : e’ quella che non c’e’ alcun programma. Il 13 Aprile una legge elettorale ad hoc per potenziare i partiti e nascondere i conflitti di interesse, legge fatta da porci con le ali per un Paese di bestiame senza ali, ci impedira’ di scegliere un candidato, e solo gli imbecilli votano le sigle a prescindere, senza conoscere nulla, ne’ candidati ne’ programmi, anche quando i candidati sono pregiudicati, ed i programmi sottraggono ogni Diritto e l’aria da respirare. I porci con le ali, fieri, asseriscono che hanno il consenso della maggioranza del gregge, i non allineati, sono confinati alle riserve, al pari degli Indiani d’America.
L’Unione Europea ci guarda senza comprenderci.
Il mondo intero ci guarda senza comprenderci.
Noi Indiani dalle riserve, ci guardiamo intorno smarriti , attoniti, svuotati. Che grande fortuna, la felice stupidita’ di chi ignora, degli imbecilli, dei convinti, dei beati. L’Italia e’ una catenella con il cesso sotto, dove l’acqua manca. Ormai e’ tutto prevedibile. Se qualcosa funziona, i “poteri forti” si allarmano…. Mette a rischio il “sistema”. Il sistema allora si difende per conservare i propri privilegi ed elimina quello che funziona. Non importa cosa sia. Anche la nostra salute, la nostra vita.

Tratto dal sito dell’ADUC a cura di Giuseppe Parisi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...